Nuovo allaccio domestico o spostamento allaccio esistente

nuovo allaccioSi presenta quando si vuole collegare un’unità immobiliare (abitazione, negozio, cantiere, ecc..) alla rete dell’acquedotto e/o della fognatura oppure quando si intenda spostare una tubazione di allacciamento già esistente. Si tratta di scavo e posa di una nuova tubazione.

L'inoltro della richiesta dà seguito ad un sopralluogo tecnico per la verifica del tracciato e la formulazione di un preventivo di spesa.

1. Inoltro richiesta

La richiesta può essere inoltrata nelle seguenti modalità:

Numero verde gratuito 800 306999 (da fisso) o 0437 381299 (da mobile)

Scarica il modulo

Modalità di invio:

  • posta ordinaria a BIM Gestione Servizi Pubblici, Via Tiziano Vecellio 27/29, 32100 Belluno
  • email a servizio.clienti@gsp.bl.it (scansione integrale della documentazione firmata in originale).

2. Sopralluogo tecnico

Il sopralluogo tecnico, eseguito da personale di GSP, serve per la rilevazione dei tracciati. A sopralluogo eseguito l'utente riceverà via posta ordinaria 

  • il Preventivo di spesa - da restituire firmato per accettazione 
  • il Progetto tecnico dell’allacciamento - da restituire per accettazione
  • le Prescrizioni tecniche per la corretta esecuzione dei lavori - nel caso i lavori vengano eseguiti dall'utente
  • la Dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa ai dati urbanistici dell'immobile
  • la Dichiarazione sostitutiva di atto notorio da presentare al termine dei lavori - nel caso di lavori eseguiti dall'utente.

Il dettaglio dei costi è consultabile alla sezione Idrico > Tariffe > Tariffe interventi a pagamento (voce Allacciamento)

  1. La richiesta di nuovo allaccio (domanda-preventivo-lavori-aggancio alla rete) non è da confondere con l’attivazione di nuova fornitura (contratto di fornitura-installo contatore).
  2. L'intestatario della domanda di allacciamento sarà anche l'intestatario del preventivo di spesa e della relativa fattura.
  3. (per scarichi industriali) La richiesta di autorizzazione allo scarico per acque reflue industriali va presentata al SUAP territorialmente competente (vedi apposita sezione).